Contact | Help

Autosburla.it

May 25, 2024, at 09:23 AM

Garessio-2004

La Carrera Saracina è una corsa che si svolge su carretti formati da una struttura metallica carenata che corre su ruote da bicicletta; gli equipaggi che gareggiano sono composti da due persone: un guidatore ed uno spingitore.

La competizione si svolge nell'arco di due giorni; una gara in notturna (prova di resistenza) e due il giorno seguente (prova di velocità e prova di abilità).

"L'IMPORTANTE E' VINCERE... NON PARTECIPARE"

Carrera Saracina informazioni (pdf)

Carrera Saracina storia (pdf)

Nata nel 1967 da un'idea del compianto cav. Vittorio Corrado (Presidente dell'Azienda Autonoma di Soggiorno di Garessio) per "creare uno spazio giovane teso a valorizzare la stagione turistica", la Carrera Saracina ha conservato nel tempo le caratteristiche di una sempre attesa e divertente attrazione estiva. Definita "Gran Premio delle Borgate", "Palio dei Rioni", "Carnevale di Ferragosto", ha sempre acceso la fantasia e l'impegno dei suoi protagonisti, impegnati per mesi a forgiare prototipi sempre più perfetti, ben diversi dai rudimentali carretti di fine Anni Sessanta. Aperta dalle pittoresche sfilate dei borghigiani (Panse Neire, Schiancarucchetti, Saraceni, Trulli), indossati i variopinti costumi d'epoca, la Carrera (dal 1978 "Trofeo Roberto Canavese") ha vissuto i momenti di maggior fulgore nelle edizioni animate dall'accoppiata "folklore-competizione" (punteggio per la sfilata sommato a quelle delle prove cronometrate).

Negli ultimi anni, più volte riveduta nel regolamento, è vissuta esclusivamente sul settore competitivo, ma gli attuali organizzatori intendono riportarla al più presto alla formula originale che evidenziava colore e calore, tecnica e fantasia, originalità e potenza, scherzosamente abbinate allo slogan: "L'importante è vincere... non partecipare!" .

XHTML and CSS valid.
Last modified on October 14, 2010, at 08:14 AM
Web Feeds » RSS   Atom
AutoSburla@2k10
Tutto questo ha origini nella storia di Cremona e nella serena amicizia che Franco ha saputo trasmettere ad un gruppo di ragazzi nel 1996.