Contact | Help

Autosburla.it

December 17, 2017, at 05:04 AM

Robecco1997

(di M.Fornis)

Mauro e Spot ai box, pronti per le prove. Sponsor sui paraurti: Radio-Pieve-d'Olmi-Network

Robecco: Argh!! Un freddo cane quella mattina! Non era una passeggiata tranquilla nell'aria fresca e pungente... era un'attenta analisi delle nostre capacità, per scoprire dove potevamo spingerci,quella mattina di Robecco. Ricordo lo show room allestito all'aperto, in un parcheggio vicino alla torre,maestoso monumento del paese. E li' sotto i "bolidi", perfetti, curati nei minimi dettagli, colorati con tutto l'affetto che un meccanico sa di dover dare alla propria autovettura,anzi alla propria creazione!

E mentre tutti i vari Team sfavillavano carrozzerie d'eccezional fattura, noi ci presentammo SCARENATI!!

Troppo validi! Troppo avanti!!!

Poi pensammo che forse era meglio avercele le carenature... almeno da proteggere il pilota "Spot" visto che la gara era in simultanea.

Si! Proprio come nelle grande partenze che si vedono in televisione, ognuno aveva il giro di qualificazione e la relativa postazione da occupare prima del "Via!" Cosi' iniziammo a riscaldare i nostri motori... correndo per strade sconosciute, su e giù per Robecco! Al momento della qualificazione comparve la macchina numero 2, scarenata anch'essa, ma potrei giurare di aver visto i loro meccanici togliere la copertura originale per copiare brutalmente la nostra idea all'avanguardia! Così finimmo in terza posizione, dietro alla Macchina blu N.2 e la macchina gialla Elf N.5. Probabilmente durante il giro di qualifica qualcosa doveva essere andato storto, e così ristudiammo il percorso e riassegnammo le varie postazioni/cambio.

le autosburla in fila per la parata iniziale sotto alla torre della chiesa.

Accidenti siamo terzi... e adès? Passale tu quelle 2 lì senza dover entrare in duello corpo a corpo con la macchina gialla, e superare l'effettiva velocità della prima vettura. Non ce la faremo mai!!! Concentriamoci sulla bandiera va, che l'è mèi...

3.. 2.. 1.. Via!

La macchina gialla, appesantita dalla carrozzeria, viene bruciata subito in partenza, e cosi' ci troviamo subito dietro alla macchina N.2 (un numero sibillino hehehe). Ma questi non mollano niente, rimaniamo dietro di loro, così esauriuamo il primo Motore (l'Aleghèr) in questo super sorpasso e rimaniamo incollati al loro alettone fino al momento clou della gara.

... la GICANE! :le due vetture in testa convergono in una sfida tra assetti, sterzi e controsterzi, il tutto in economia perchè le due barricate di fieno impediscono ai motori di assisterli cineticamente (nel nostro caso Pino).... e succede quel che succede, la N.2 inizialmente davanti deve fare i conti con l'inserimento della BCS che, dotata di un sistema di ancoraggio alla strada superiore, le taglia davanti costringendola a cedere il passo perdendo vistosamente terreno.

Appena fuori della gicane, stavano aspettando gli altri Sburlatori per portare le macchine al traguardo. Noi avevamo il "Fanfo" che, incalzato dalle urla degli spettatori dotati di vin brulè e castagne e dal sopraggiungere della N.2, accese il turbo e ci porto' alla nostra prima meritata vittoria stagionale!

la squadra BCS, BelliCome(il)Sole alla fine di una gara combattuta .. ci vuole proprio il test antidoping!

Ci sono prove di un test anti-doping eseguito ai vincitori subito dopo avere bevuto una bevanda calda offerta dall'organizzazione. Credo che questa gara, sia stata la più entusiasmante che abbia corso sebbene più pericolosa, perchè correre per abbattere un tempo è una cosa, ma correre per superare gli altri concorrenti è tutta un'altra emozione.

E così inizia il nostro percorso di vittorie... migliorie, e trasferte! Un grande campionato quello delle autosburle... una grande idea quella di rimetterle in circolazione! Un grande evento colmo di spettacolo, che ogni comune non dovrebbe farsi mancare!

tutte le foto qui: http://picasaweb.google.com/autosburla/Robecco1997#

XHTML and CSS valid.
Last modified on October 26, 2010, at 08:49 PM
Web Feeds » RSS   Atom
AutoSburla@2k10
Tutto questo ha origini nella storia di Cremona e nella serena amicizia che Franco ha saputo trasmettere ad un gruppo di ragazzi nel 1996.